Hai poco tempo a disposizione ma non vuoi perderti le meraviglie dell’isola? Una breve guida ai migliori itinerari Malta

È possibile visitare Malta in pochi giorni? La risposta è sì, l’importante è avere ben chiari gli itinerari da percorrere per non perderti nessuna delle meraviglie offerte da questo luogo che si può definire quasi incantato.

Sia che tu sia a Malta per studiare inglese o per svago, l’isola offre molteplici attrazioni da vedere e attività da fare. Non farti ingannare dalle dimensioni: nonostante si tratti di un’isola di dimensioni ridotte, essa è un grande punto di interesse per turisti da tutta Europa, compresa la vicina Italia.

Itinerari Malta: ecco cosa non puoi perderti

Pronto a partire per un viaggio alla scoperta dell’isola principale dell’arcipelago maltese? Di seguito l’elenco di alcune città e villaggi, comprese le relative attrazioni, che devi assolutamente visitare se ti trovi a Malta.

La Valletta

In genere La Valletta è il punto di partenza per il proprio tour sull’isola, proprio perché è la capitale di tutto l’arcipelago. Una cittadina intrisa di storia, nella quale l’impronta lasciata dei Cavalieri di Malta è visibile ovunque.

La Valletta fonde alla perfezione elementi orientali ed occidentali: tra le sue viette si respira un’atmosfera arabeggiante, ma osservando meglio i dettagli, è impossibile non notare le componenti di stampo europeo. Sede di una prestigiosa università, oltre che di diversi college per imparare l’inglese, è un vero e proprio centro culturale.

Nella capitale maltese non puoi perderti il Forte Sant’Elmo, gli Upper Barakka Gardens, la Concattedrale di San Giovanni ed il Palazzo del Gran Maestro.

Per approfondire: cosa vedere a La Valletta

Sicuramente non puoi esimerti dal perderti tra le viuzze saliscendi della città, per ammirare i paesaggi dall’alto e per farti incantare dall’ocra pastello della pietra locale, che risalta soprattutto durante il tramonto.

Sliema e St. Julian

Dopo aver visitato la capitale, impossibile non recarsi a Sliema e St. Julian, le zone più turistiche dell’isola. Il centro della nightlife è proprio a St. Julian, con i suoi pub, le discoteche ed i ristoranti economici nei quali scoprire i piatti tipici di Malta.

Sliema, invece, colpisce per lo più grazie al suo lungomare contornato da sabbia bianca e zone rocciose. Qui è possibile trovare numerose strutture alberghiere, proprio perché la cittadina risulta essere località di villeggiatura sin dai primi del ‘900.

Mdina

Mdina, cittadina fortificata e storicamente conosciuta come residenza delle famiglie nobili dell’arcipelago, è la vecchia capitale di Malta.

La città silente, questo il nome con il quale è altrimenti conosciuta, è una vera e propria meraviglia costruita in pietra locale (quindi color ocra). Con una storia antica di oltre 4000 anni, Mdina è in grado di affascinare i turisti grazie ad un’atmosfera senza tempo, data anche dalla completa mancanza di auto e di traffico e dai vicoletti che la compongono.

Per accedere alla parte centrale della città è necessario superare le fortificazioni, attraversando la Main Gate e la Greek’s Gare, le due antichissime porte di accesso.

Le Tre città: Vittoriosa, Senglea e Cospicua

Vittoriosa, Senglea e Cospicua sono conosciute come le Tre Città di Malta e sono luoghi intrisi di storia. Grazie alla loro posizione strategica, per diversi anni, sono state il luogo ideale per la protezione del popolo maltese dalle minacce esterne.

Antica casa dei Cavalieri dell’Ordine di Malta, prima di La Valletta, erano il centro culturale e politico dell’intero arcipelago. Le Tre Città furono fondamentali per la salvezza dell’isola nel Grande Assedio da parte dei turchi ottomani del 1565, ecco perché non puoi esimerti dal visitarle.

Vittoriosa, in maltese Birgu, fu la capitale di Malta dopo Mdina, a seguito dell’arrivo dei Cavalieri dell’Ordine di Malta nel 1530. Se ti trovi in zona intorno alla metà di ottobre, non puoi perderti il Birgu Fest, dove migliaia di lumini percorrono le vie illuminando l’intera città solo grazie alla luce fioca delle candele. Un’atmosfera suggestiva assolutamente da vivere.

Templi di Hagar Qim e Mnajdra

Una tra le attrattività di Malta è composta dai templi più antichi del mondo: quelli di Hagar Qim e Mnajdra, posizionati nella parte sud dell’isola. Ad oggi, nonostante la loro antichità, si sa ancora poco di questi templi: non è chiara la destinazione d’uso ed il loro reale scopo, ecco perché sono un luogo intriso di mistero.

Il primo tempio, quello di Hagar Qim, è composto da molteplici stanze con diversi altari ed elementi ornamentali. Da qui, tramite una discesa che porta verso il mare, si raggiunge Mnajdra, in realtà composto da tre templi distinti, costruiti in anni diversi. Il più antico risale al 3600 – 3200 a.C., mentre quello più “moderno” è datato 3000 a.C..

Il sito archeologico affaccia sul mare ed offre un panorama splendido sulla costa e sulla vicina Filfla, isola disabitata dell’arcipelago maltese.

Se ti resta ancora tempo, non perderti Gozo

La vicina Gozo, isola minore, è piena di attrattività. Più selvaggia rispetto a Malta, se ti trovi in zona e ti avanza del tempo ti consigliamo una visita.

Sicuramente da non perdere la Dwejra Bay (anche senza la sua Azure Window), i templi di Ġgantija, Victoria, La Cittadella e Xeuchia con il suo cupolone. E non è finita qui, Gozo è una vera e propria chicca che offre una miriade di paesaggi incontaminati e mozzafiato.

Per approfondire: Cosa vedere a Gozo

Write A Comment